partner di  love advisor Mantova
Suggestioni d'autunno

Week End d'autunno tra arte e buon cibo

chagall4Scegli Corte Posta!
La splendida mostra "Marc Chagall, come nella pittura così nella poesia" ci accompagnerà nei prossimi mesi (5/9/18 - 3/2/19)e quale migliore occasione per regalarsi un week end tra mostra e buon cibo? Ti aspettiamo, Mantova in autunno è poesia e meraviglia.
Contatti

Eventi 2018

Marc Chagall, come nella pittura così nella poesia (5/9/18 - 3/2/19)

Marc Chagall, come nella pittura così nella poesia (5/9/18 - 3/2/19)

5 settembre 2018 - 3 febbraio 2019

Dal 5 settembre 2018 fino al 03 febbraio 2019, la mostra “Marc Chagall, come nella pittura così nella poesia” apre le sue porte al pubblico a Mantova, negli spazi restaurati di Palazzo della Ragione.

5 al 9 settembre 2018 - Festivaletteratura

5 al 9 settembre 2018 - Festivaletteratura

Festivaletteratura è un appuntamento all’insegna del divertimento culturale, una cinque giorni di incontri, laboratori, percorsi tematici, concerti e spettacoli con narratori e poeti di fama internazionale, saggisti, artisti e scienziati provenienti da tutto il mondo, secondo un’accezione ampia e curiosa della letteratura. Si tiene ogni anno a Mantova, dal 1997, sul finire dell’estate.
20 maggio - 16 settembre 2018 - Il Giro del mondo in otto stanze

20 maggio - 16 settembre 2018 - Il Giro del mondo in otto stanze

Un viaggio attraverso il cosmorama di Hubert Sattler (1817-1904) Mantova, Complesso Museale Palazzo Ducale, Castello di San Giorgio. Orari di apertura: da martedì a domenica, 8.15 – 19.15 - Accesso: biglietto intero € 12, ridotto € 7,50
Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo - 14 ottobre dalle 10.30 - 15.00

Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo - 14 ottobre dalle 10.30 - 15.00

Domenica 14 ottobre 2018 (alle ore 10:30 e 15:00) tutte le famiglie sono invitate a vivere un'avventura nel mondo delle immagini poetiche e pittoriche di Marc Chagall, alla scoperta di uno scrigno piccolo ma prezioso: la ricostruzione del "Teatro da camera" da lui dipinto a Mosca.
  • Marc Chagall, come nella pittura così nella poesia (5/9/18 - 3/2/19)
  • 5 al 9 settembre 2018 - Festivaletteratura
  • 20 maggio - 16 settembre 2018 - Il Giro del mondo in otto stanze
  • Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo - 14 ottobre dalle 10.30 - 15.00
  • Marc Chagall, come nella pittura così nella poesia (5/9/18 - 3/2/19)

    Oltre 130 opere, tra cui il ciclo completo dei 7 teleri dipinti da Chagall nel 1920 per il Teatro ebraico da camera di Mosca, rappresenteranno il momento più rivoluzionario e meno nostalgico del suo percorso artistico: una selezione di capolavori emblematici, tra dipinti e acquerelli degli anni 1911-1918, accompagnerà l’allestimento immersivo del Teatro ebraico insieme a una serie di acqueforti eseguite tra il 1923 e il 1939, tra cui le illustrazioni per le Anime morte di Gogol', per le Favole di La Fontaine e per la Bibbia.

    Agevolazioni per i possessori di MantovaCard

    In occasione della mostra “Marc Chagall, come nella pittura così nella poesia” che si terrà a Palazzo della Ragione dal 5 settembre 2018 al 3 febbraio 2019, è previsto per i possessori della Mantova Card un supplemento per l’ingresso a Palazzo della Ragione e alla mostra di euro 8,00 (per i possessori della card a tariffa intera) ed euro 6,00 (per i possessori della card a tariffa ridotta). Per tutta la durata della mostra non sarà possibile visitare la Torre dell’Orologio per motivi di sicurezza.

  • 5 al 9 settembre 2018 - Festivaletteratura

    Dal 1997, Festivaletteratura è uno degli appuntamenti culturali italiani più attesi dell'anno, una cinque giorni di incontri con autori, reading, percorsi guidati, spettacoli, concerti con artisti provenienti da tutto il mondo, che si ritrovano a Mantova per vivere in un'indimenticabile atmosfera di festa.
    Al Festival partecipano narratori e poeti di fama internazionale, le voci più interessanti delle letterature emergenti, e ancora saggisti, musicisti, artisti, scienziati, secondo un'accezione ampia e curiosa della letteratura, che non si nega alla conoscenza di territori e linguaggi lontani dai canoni tradizionali. Un'attenzione particolare è rivolta ai bambini e agli adolescenti: numerosi incontri, spettacoli e laboratori sono pensati solo per i ragazzi o per adulti e ragazzi insieme. Il tutto a Mantova, una perla del Rinascimento riconosciuta dall'Unesco patrimonio mondiale dell'umanità, dove la dimensione raccolta della città avvicina autori e lettori, permettendo a tutti di spostarsi facilmente a piedi da un appuntamento all'altro.

    PER SAPERNE DI PIU'

  • 20 maggio - 16 settembre 2018 - Il Giro del mondo in otto stanze

    La mostra che si presenta nelle sale espositive del Castello di San Giorgio intende accompagnare il pubblico in un ideale ‘giro del mondo’ attraverso le otto stanze in cui si articola il percorso di visita. Come il protagonista del romanzo di Jules Verne, il visitatore si troverà immerso in paesaggi e contesti dei più vari, potendo vivere il sogno del viaggio nell’Ottocento. I “cosmorami” del pittore di Salisburgo Hubert Sattler (1817-1904), ovvero vedute di paesaggi e città realizzate con estrema precisione tecnica e in grado di rendere al massimo l’illusione della realtà, ci trasportano in mondi lontani e preservano ancora oggi, epoca in cui la rivoluzione di internet ha reso tutto vicino, un fascino inalterato. Grazie alla disponibilità del Salzburg Museum questi dipinti possono essere proposti per la prima volta al pubblico italiano e offrire lo spunto per una più ampia riflessione sul tema del viaggio nell’Ottocento. A partire da una prima sezione dedicata agli aspetti più pratici del viaggiare, l’itinerario condurrà il visitatore in varie tappe attraversando l’Europa, il Vicino Oriente e l’America. Mediante le splendide visioni di Hubert Sattler saremo prima in Italia, la terra del sogno e del mito, poi nelle metropoli europee di Parigi e Londra, e in seguito in Spagna, passando per le Alpi. Attraversando il Mediterraneo ci troveremo poi in Egitto e nel Vicino Oriente, mete che hanno da sempre incuriosito i viaggiatori europei per la loro cultura esotica. Infine la lontana America si presenterà ai nostri occhi nei suoi sconfinati paesaggi e nelle sue città in rapida evoluzione. Accanto al viaggio compiuto per diletto, non si può dimenticare quello determinato invece dalla necessità, illustrato da alcune testimonianze del fenomeno dell’emigrazione, che spinse molti a cercare fortuna lontano dalla propria patria. Questo ‘viaggio’ è stato reso possibile dall’apporto scientifico del professor Attilio Brilli, massimo esperto di tale tematica, con la collaborazione del Direttore del Complesso Museale di Palazzo Ducale, Mag. Dr. Peter Assmann, di Johannes Ramharter e di Nina Knieling, oltre che dal contributo dei prestatori e di tutta l’équipedi Palazzo Ducale.
  • Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo - 14 ottobre dalle 10.30 - 15.00

    NELLO SCRIGNO DELLA FANTASIA - giornate di visite e laboratori in occasione della F@Mu 2018 Domenica 14 ottobre 2018 (alle ore 10:30 e 15:00) tutte le famiglie sono invitate a vivere un'avventura nel mondo delle immagini poetiche e pittoriche di Marc Chagall, alla scoperta di uno scrigno piccolo ma prezioso: la ricostruzione del "Teatro da camera" da lui dipinto a Mosca. Insieme vivremo la magia di quello speciale momento storico e artistico, attraverso le immagini colorate e festose create dalla inesauribile fantasia dell'artista. Per tutte le info ➜ prenotazione obbligatoria al numero 0376 1979010 Durata 60' - costo € 8,00 a persona + biglietto Il turno verrà effettuato previo raggiungimento del numero minimo di 12 partecipanti. La conferma o annullamento del turno verrà comunicata entro il venerdì precedente.
  • Marc Chagall, come nella pittura così nella poesia (5/9/18 - 3/2/19)
  • 5 al 9 settembre 2018 - Festivaletteratura
  • 20 maggio - 16 settembre 2018 - Il Giro del mondo in otto stanze
  • Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo - 14 ottobre dalle 10.30 - 15.00

Venezia

Mantova, la piccola Venezia

«Città d'acqua, quasi proiezione ideale di Venezia nell'entroterra padano» e «Città in forma di palazzo»

Non tanto due luoghi comuni per Mantova, quanto due felici sintesi della sua peculiare vicenda storico-artistica e urbanistica, connessa indissolubilmente alla famiglia dei Gonzaga, i signori che alla città hanno legato il loro nome e che l'hanno resa un gioiello artistico.

«La città più romantica del mondo»
(Aldous Huxley 1894-1963)

Ad affascinare il narratore e saggista inglese, sono stati i monumenti, le canne lungo il Mincio, i fiori di loto, la nebbia, la surreale patina del tempo che avvolge ogni strada e piazza, la storia, la semplicità dei cittadini di Mantova, ed è la sua, questa, la definizione che più si addice alla città. In questa chiave Mantova è stata cantata anche dal più discusso dei poeti francesi, Charles Baudelaire. Mantova nel suo tessuto urbano ha incantato scrittori e poeti di ogni tempo e luogo come Torquato Tasso che scrisse: "Mantova è una città bellissima e degna c'un si mova di mille miglia per vederla". Per restare ai più recenti si possono citare Michele Saponaro, che vi ha colto un senso religioso sospeso tra i solchi e il cielo; Alfredo Panzini che la trovò piena di un'apparente provinciale lietezza; il poeta Guido Piovene - ammirato dalla sua bellezza orchestrata nel sogno; per Corrado Alvaro questa città è un paradiso di malinconia; mentre Orio Vergani la vide «fasciata da una solitudine come destin».

Il 2016 è l’anno in cui Mantova si apre al futuro, diventando un luogo di incontro nazionale e internazionale per l’elaborazione di nuovi paradigmi culturali. Senza dimenticare l’eredità del passato, la città si rinnova proponendosi come centro di idee per accogliere la creatività contemporanea. Nell’ottica di una cultura intesa come motore di civiltà e benessere, ma anche di progresso economico, la governance di Mantova si evolve verso un modello di rete per favorire integrazioni tra sviluppo culturale e filiere economiche. Una cabina di regia con importanti nomi della cultura ha messo a punto un ampio programma di un migliaio di eventi, che fino a dicembre trasformeranno Mantova in una “città-palcoscenico”, anche grazie all’apporto dei quasi 70 comuni della provincia e delle varie realtà e forze del territorio, che stanno già proponendo progetti per arricchire il palinsesto. Il cuore pulsante sarà il centro storico, con i suoi palazzi, i suoi portici, le sue chiese e le sue piazze: un museo diffuso e interattivo in cui l’espressione artistica dialogherà con il patrimonio architettonico. Sei percorsi tematici permetteranno di scoprire il fascino di Mantova nelle diverse età: dalla Mantova del Settecento alla Mantova della creatività contemporanea, dalla Mantova ebraica alla Mantova antica di Virgilio, dalla Mantova del Risorgimento a quella del Rinascimento. Il pubblico parteciperà in modo dinamico alla produzione culturale e, quindi, alla rigenerazione dell’identità di Mantova grazie a workshop, laboratori, mostre, concerti ed eventi che romperanno il confine tra artista e spettatore.

Visita il sito di MANTOVA2016 per spunti interessanti sul tuo soggiorno nella nostra città